Le migliori tecnologie per terapia fisica e strumentale

Fisioterapia

Fisioterapia

Centro polifunzionale di riabilitazione

Il centro, formato da un team di professionisti altamente qualificati, si avvale delle migliori tecnologie di terapia fisica e strumentale.

 

Il paziente, in seguito ad un check-up strutturato, viene indirizzato dal professionista di riferimento per elaborare un percorso personalizzato e rispondere così alle singole e specifiche necessità della persona, avvalendosi di trattamenti fisioterapici più adatti per la singola esigenza.

 

L’area fisioterapica è composta così:

 

  • Terapia fisica e strumentale: prevede la risoluzione di problematiche date da degenerazione tissutali come artrite, artrosi, tendinite, tendinosi e lesioni muscolari supportate dall’integrazione di tecnologie di ultima generazione.
  • Riabilitazione: prevede la cura di problematiche ortopediche, neurologiche, algie e disfunzioni in età pediatrica, eseguita da figure specializzate quali osteopata pediatrico, fisioterapista specializzato in neurologia, fisioterapista specializzato in idrokinesiterapia, fisioterapista specializzato in ortopedia e fisioterapista osteopata per l’ambito delle algie.
  • Kinesiterapia: prevede la riabilitazione mediante il movimento e l’utilizzo di macchinari specifici, guidata da un professionista specializzato in chinesiologia.

Terapie manuali:

Osteopatia

L’osteopatia è una terapia manuale, complementare alla medicina tradizionale. Essa si basa sul contatto manuale per la valutazione, il trattamento e si avvale di un approccio causale e non sintomatico. Attraverso manipolazioni ed altre tecniche di natura fasciale, cranica, viscerale e strutturale, si agisce dove sono presenti restrizioni di mobilità con lo scopo di riportare un equilibrio fisiologico. L’organizzazione mondiale della sanità (OMS), nella sue linee guida, inserisce l’osteopatia tra le medicine tradizionali e complementari.
Gli osteopati utilizzano le proprie conoscenze sul rapporto tra struttura e funzione per ottimizzare le capacità di autoregolazione e di autoguarigione dell’organismo. Tale approccio olistico nei confronti della cura e della guarigione dei pazienti si basa sull’idea che un essere umano rappresenti un’unità funzionale dinamica, nella quale tutte le parti sono interconnesse.

Terapia Manuale

Consiste nella valutazione delle funzioni dell’apparato locomotore, e quindi dei sintomi, delle alterazioni della mobilità, e dei mutamenti tissutali; nel trattamento di queste condizioni mediante un approccio terapeutico altamente specifico, che include tecniche manuali, quali mobilizzazioni e manipolazioni, ed esercizi terapeutici.

La Terapia Manuale dà particolare rilevanza all’evidenza scientifica e clinica delle tecniche utilizzate. Gli obiettivi di questo approccio terapeutico consistono nell’alleviare la sintomatologia algica e nell’ottimizzare al meglio le capacità funzionali del paziente.

Fisioterapia Neurologica

La fisioterapia neurologica è una sub-specializzazione della fisioterapia che ha lo scopo di migliorare la vita di pazienti affetti da disturbi neurologici o neuro-motori. Si ricorre ad essa quando si devono trattare patologie o condizioni traumatologiche che hanno danneggiato il sistema nervoso centrale o periferico.

Riabilitazione Ortopedica

La Riabilitazione Ortopedica si occupa prevalentemente del recupero delle menomazioni e delle disabilità motorie secondarie a patologie di origine traumatica a carico dell’apparato osteo-articolare o conseguenti ad intervento chirurgico. Questa branca della riabilitazione ha quindi un campo di applicazione piuttosto vasto, comprendendo sia patologie traumatiche (fratture, distorsioni, lussazioni), che patologie infiammatorie (tendiniti, borsiti, tenosinoviti), ma anche patologie degenerative delle strutture ossee e cartillaginee (artrosi, osteoporosi) e il post-operatorio (protesi d’anca, protesi di ginocchio, protesi di spalla, osteotomie correttive, ricostruzioni legamentose).

Idrokinesiterapia

Sfruttando le specifiche proprietà fisiche dell’acqua l’idrokinesiterapia è indicata sia come mezzo di preparazione fisica in vista dell’intervento chirurgico, sia come efficace strumento riabilitativo nella fase di rieducazione post-operatoria e post-traumatica, nelle patologie pediatriche come in quelle geriatriche, nelle problematiche neurologiche, cardiovascolari e reumatologiche.

Massoterapia

è un trattamento manuale che prevede l’esecuzione di un massaggio mirato a curare i principali problemi legati all’apparato muscolo-scheletrico e circolatorio.

Esistono diverse tipologie di massaggio massoterapico; in generale si distinguono 3 diverse grandi aree:

  • connettivale: agisce sui tessuti connettivi e consiste nell’esecuzione di movimenti lenti e profondi, apportando benefici non solo a livello muscolare, ma anche viscerale;
  • decontratturante: contribuisce a rilassare i muscoli contratti e a ripristinarne funzionalità e tonicità;
  • miofasciale: si concentra sulla fascia del muscolo e aiuta a migliorare atteggiamenti posturali scorretti e sintomi dolorosi a livello muscolare.

Shiatsu

Diffuso in Giappone sin dal VI secolo, è una pratica manuale manipolatoria che stimola nel ricevente un processo di autoguarigione. Attraverso questo trattamento manipolatorio durante il quale vengono effettuate pressioni sostenenti, costanti e perpendicolari sul corpo del ricevente avvalendosi soprattutto dei polpastrelli, ma anche di gomiti, piedi, ginocchia e palmi delle mani, l’operatore contatta la vitalità del ricevente favorendone il suo fluire naturale.

Terapie strumentali:

Laserterapia

La laserteapia è utilissima per una serie di effetti: antinfiammatorio, antalgico, rigenerativo del tessuto connettivo, biostimolante sul microcircolo e sui vasi sanguigni. Essa si basa su una sorgente di luce che si propaga con onde elettromagnetiche e che ha caratteristiche del tutto particolari come la monocromaticità, la coerenza, la direzionalità e la brillanza. La laserterapia è indicata per tendiniti, contratture muscolari, ulcere e piaghe, artrosi, postumi traumatici. È controindicata invece in casi di gravidanza, epilessia, neoplasie.

Onde d’urto

La terapia ad onde d’urto consiste nel provocare, a livello di un tessuto o di un organo, impulsi d’elevata intensità, che, trasmettendosi nell’intima compagine cellulare, attraverso un meccanismo di risonanza, riducono flogosi locali e sintomatologia dolorosa, stimolano neoformazione di vasi sanguigni e riattivano processi riparativi. Le indicazioni terapeutiche delle onde d’urto sono: pseudoartrosi, tendinopatie, come quelle dei muscoli della cuffia dei rotatori, epicondiliti ed epitrocleiti di gomito, fascite plantare nel piede.

Rappresentano controindicazioni: pacemaker, persone che assumono terapia corticosteroidea o anticoagulante, gravidanza, infezioni, neoplasie.

Vibrazioni focali

Il dispositivo è più comunemente usato per il rilassamento e la tonificazione muscolare e per alleviare il dolore da disturbi muscolari, articolari e tendinei acuti e cronici. Il trattamento viene utilizzato anche per il dolore dell’arto fantasma o sindromi da dolore cronico, come la fibromialgia. Nella riabilitazione delle malattie neurologiche, la terapia viene utilizzata per il trattamento di spasticità, sensibilià o disturbi sensomotori. L’obiettivo è mantenere o riguadagnare funzioni e semplificare le attività quotidiane, come scrivere, afferrare, correre o mangiare.

Tecarterapia

Nota anche come Tecar o Trasferimento Energetico Capacitivo-Resistivo, è un tipo di trattamento elettromedicale, che trova particolare impiego nella cura di traumi e patologie infiammatorie dell’apparato muscolo-scheletrico.

Diffusa soprattutto in ambito fisioterapico, la Tecarterapia coadiuvata a tecniche di terapia manuale, è in grado di ridurre il dolore e accelerare la naturale riparazione dei tessuti, laddove ovviamente ci sia un danno.

Il tutto si traduce in un accorciamento tangibile dei tempi di guarigione.

È controindicata invece in casi di gravidanza, epilessia, neoplasie.

Kinesiterapia:

Prevede un’attenta valutazione posturale correlata ad una meticolosa anamnesi del paziente, così da poter elaborerà un piano di rieducazione personalizzato.

La kinesiterapia consiste nell’esecuzione di esercizi riabilitativi, scelti dal terapista in base alla tipologia di trauma o dolore riferito dal paziente.

In riabilitazione si può ricorrere a questo tipo di trattamento per risolvere molteplici problematiche; in generale è adatta per i pazienti che necessitano di recuperare la normale funzionalità del corpo.

 

Il percorso di riabilitazione posturale prevede l’esecuzione di una serie di esercizi che vengono decisi dal fisioterapista in base all’obiettivo da raggiungere.

 

  1. Esercizi di mobilità articolare: servono a recuperare tutti i gradi di movimento, migliorando di conseguenza la postura complessiva del paziente.
  2. Esercizi propriocettivi: puntano a ridare consapevolezza al paziente del proprio corpo. La pratica si basa su esercizi di propriocettiva ed equilibrio svoltai attivamente dal paziente.
  1. Esercizi di rinforzo muscolare: agiscono su muscoli considerati particolarmente deboli in seguito a traumi, interventi chirurgici, o semplicemente per il riequilibrio muscolo- articolare.